• Home
  • Notizie
  • Notizie Italia
  • Loggia Tetraktis Cagliari - 10 ottobre 2020 convegno "L'Algoritmo segreto dell'Uomo Vitruviano"

Una grande festa della luce ad Ancona con il Gran Maestro Stefano Bisi

Ancona. Unità, ordine e partecipazione sono le parole che meglio descrivono il successo riscosso dalla “Festa della Luce”, tornata a logge riunite del Collegio Circoscrizionale dei MM.VV. delle Marche organizzata lo scorso 19 dicembre in occasione del Solstizio d’inverno e per celebrare il terzo anniversario della nuova Casa Massonica di Ancona, che ha visto la partecipazione straordinaria del Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia Stefano Bisi.

L’impeccabile organizzazione dei fratelli anconetani ha permesso di gestire al meglio i numerosi fratelli accorsi da tutta la regione e di accogliere, oltre a Gran Maestro Bisi, ospiti d’eccezione come il Gran Maestro della Serenissima Gran Loggia della Repubblica di San Marino Emidio Troiani e come il presidente del Collegio Circoscrizionale dei MM.VV. dell’Abruzzo Andrea Ricci.

Dopo l’ingresso rituale e l’apertura dei lavori la tornata in grado di apprendista per la celebrazione della ricorrenza di San Giovanni Evangelista e del Solstizio d’Inverno è stata rievocata grazie al suggestivo rituale coordinato da Odo Scalpelli, presidente del Consiglio dei MM.VV. dell’Oriente di Ancona, Osimo, Senigallia. “In questa serata speciale celebriamo il momento in cui il sole si trova nel punto più basso dell’eclittica– afferma Scalpelli – e tale ricorrenza è la rappresentazione per eccellenza della nascita. Già nell’antica Persia in tale data di celebrava la nascita di Mitra mentre nell’antico Egitto quella di Horus, figlio di Iside ed Osiride”.

A seguire la parola è stata concessa al fratello E.B., che per l’occasione ha scolpito la tavola “Palcoscenico Iniziatico” in cui viene presentata l’originale similitudine tra i riti della massoneria e la rappresentazione teatrale dell’antica Grecia in cui l’attore cercava la catarsi per far cadere la “maschera” profana. Quindi il teatro è il mondo che ci circonda, gli attori siamo noi esseri umani che calchiamo il palcoscenico e interpretiamo la nostra parte, il soggetto è rappresentato dai doveri e dalle prove mentre la Libera Muratoria è la compagnia teatrale che lavora sul palcoscenico, il nostro tempio. I nostri sensi ci consentono di cogliere unicamente la dimensione tangibile ovvero quella della terra, perché è l’unica che possiamo vedere, sentire, assaporare, toccare ed annusare. Tutto ciò che sfugge ai nostri sensi, ovvero il sovra-sensibile, viene ignorato. Ma in questo nel tempio i simboli ed i riti sono un punto di contatto con le dimensioni sovra-sensibili e ci consentono di cogliere ciò che va oltre la nostra percezione identificandolo come influenza spirituale.

Una metafora, quella trattata, particolarmente apprezzata dal presidente del Collegio Marche Fabrizio Illuminati che nel suo intervento ha ricordato che “ciascuno di noi indossa simbolicamente una “maschera”, che nasconde la nostra reale identità e mostra, con cura nei dettagli ed attenzione ad ogni particolare, il personaggio che dobbiamo interpretare” e quindi “un cambiamento interiore si rende necessario e con l’iniziazione massonica dovremmo essere in grado di cogliere la differenza che esiste tra la maschera che ciascuno di noi indossa in qualità di attore e ciò che si trova nel profondo della nostra interiorità”. Illuminati ha poi concluso caldeggiando vivamente la proposta del Gran Maestro di istituire la Giornata della Fierezza Massonica invitando tutti i presenti ad aderire.

Il Gran Maestro Stefano Bisi ha tracciato le conclusioni della tornata congratulandosi con tutti i fratelli per le ottime condizioni in cui ha trovato la Casa Massonica inaugurata da lui stesso esattamente tre anni prima e con la città di Ancona per aver avuto la lungimiranza di aver intitolato una piazza al massone Ugo Bassi.

Leggi tutto...

Solstizio d’Inverno 2017. Tanti auguri di pace e di gioia

Il Solstizio d’inverno è il simbolo della rinascita spirituale, la sconfitta delle tenebre da parte del Sole, il trionfo della Luce e la Luce è il simbolo centrale dell’iniziato.Gli equinozi e i solstizi costituiscono i quattro punti cardinali dell’architettura del tempo nell’arco di un anno. L’appuntamento perenne con i solstizi, invernale ed estivo, rappresenta per i liberi muratori il momento della completa comunione con la natura, un’unione fortificata dal moto del sole, che il Grande Architetto dell’Universo ha creato per irradiare e vivificare generosamente e senza distinzione ogni forma di vita terrena.

Leggi tutto...

Festa della luce a Ferrara

Festa della luce a Ferrara. La sera del 18 dicembre, presso la Casa Massonica di Via Gioelli, si è tenuta la Tornata per il Solstizio d’Inverno, organizzata dalla loggia Sol Invictus N° 1476 all’Oriente di Bondeno (FE), in collaborazione con le logge G. Savonarola N°104 di Ferrara, G. Bruno N° 852 di Ferrara, M. Ruini N° 1268 di Cento (FE).La Tornata ha visto la partecipazione numerosa e intensa dei Fratelli ferraresi e di altre Officine della Regione Emilia-Romagna. Ai lavori, presieduti dal Maestro Venerabile della Sol Invictus, Stefano Melagrani, erano presenti turri i Maestri Venerabili delle Logge Ferraresi (G. Fersini, A. Musi, G. Balboni) e il Maestro Venerabile della N.Fabrizi di Modena, A. Mascaro, il Presidente del Collegio Circoscrizionale dei Maestri Venerabili dell’Emilia-Romagna, M. Martelli e il Rappresentante GOI S.Mandrioli. Ricorreva inoltre il Terzo Annviersario dell’Innalzamento delle Colonne della Sol Invictus, avvenuto il 21 dicembre 2014, presente il Gran Maestro Stefano Bisi.

Leggi tutto...

Festa del Solstizio d’Inverno il 19 dicembre ad Ancona

Celebrazione della Festa del Solstizio d’Inverno e della ricorrenza di San Giovanni Evangelista il 19 dicembre alle 19,15 nella Casa Massonica di Ancona, dove si terrà una tornata a logge riunite del Collegio Circoscrizionale delle Marche in grado di apprendista. Ai lavori, che saranno introdotti dal Presidente del Collegio Fabrizio Illuminati e dal Presidente del Consiglio dei Maestri Venerabili di Ancona-Osimo-Senigallia, Odo Scalpelli, prenderà parte il Gran Maestro Stefano Bisi.

Leggi tutto...

Festa del Solstizio d’Inverno il 19 dicembre ad Ancona

Celebrazione della Festa del Solstizio d’Inverno e della ricorrenza di San Giovanni Evangelista il 19 dicembre alle 19,15 nella Casa Massonica di Ancona, dove si terrà una tornata a logge riunite del Collegio Circoscrizionale delle Marche in grado di apprendista. Ai lavori, che saranno introdotti dal Presidente del Collegio Fabrizio Illuminati e dal Presidente del Consiglio dei Maestri Venerabili di Ancona-Osimo-Senigallia, Odo Scalpelli, prenderà parte il Gran Maestro Stefano Bisi.

Leggi tutto...

Sicilia. Celebrato il Solstizio sul lago di Pergusa

Celebrato il Solstizio sul lago di Pergusa in Sicilia con una Agape Rituale organizzata dal Collegio Circoscrizionale della Sicilia. La festa si è tenuta il 9 dicembre in un clima di armonia e fratellanza. Nella magica cornisce lacustre, i Maestri Venerabili e gli Oratori delle Officine si sono incontrati con la conduzione del Presidente del Collegio Antonino Recca, coadiuvato dai Fratelli Massimo De Luca, Enrico La Loggia, Enzo Inga,Giovanni Quattrone, Marcello Di Garbo e Antonio Dolce. Erano presenti il Grande Ufficiale Nino Bellanca, il Grande Architetto Revisore Gaetano Bosio e numerosi Ispettori Circoscrizionali.

Ancora una volta i Fratelli siciliani hanno dimostrato attaccamento alla Comunione rievocando l’antica tradizione. Il Rito dell’Agape è senza dubbio un Atto Iniziatico antichissimo, per il quale intere comunità partecipavano in gruppo ai sacri misteri del “Pasto Sacro”. E, pure se veniva chiamato con nomi diversi, era praticato dagli antichi egiziani, dagli esseni, dai pitagorici, dai mitraisti, dai vichinghi, dai romani, dal monachesimo d’oriente e d’occidente, dai primi cristiani, dai sufi, dalla cavalleria romana e proto medievale ed infine, dai Templari e dai cavalieri della Tavola Rotonda, dai Massoni, dal Rito Scozzese, dai Rosa Croce e da Ordini e Circoli esoterici ermetici. Il termine Agape, deriva dal greco : “AGAPE” che vuol dire Amore e dal latino pasto in comune.

Leggi tutto...

Grande partecipazione alla Festa della Luce a Follonica

Al Teatro della Leopolda ed alla ex Fonderia di Follonica si è celebrata la Festa della Luce del Collegio Toscano con la partecipazione del Gran Maestro Bisi e del sindaco Ferrari di Portoferraio.

Grande partecipazione alla Festa della Luce organizzata a Follonica (Gr) dal Collegio Circoscrizionale della Toscana, un momento che è stato all’insegna dell’armonia, della benevolenza e dell’Amore. L’evento ha avuto luogo il 9 dicembre alle 16 al Teatro “La Leopolda”, dove si  è svolta la tornata rituale e dove sono stati accolti gli ospiti. Nel medesimo complesso si è tenuta anche  l’Agape Bianca che ha chiuso le manifestazioni. Presente il Gran Maestro Stefano Biai, che ha fatto il suo ingresso accompagnato dal Gran Maestro Aggiunto Sergio Rosso, dai Gran Maestri Onorari Massimo Bianchi e Mauro Lastraioli, dal Secondo Gran Sorvegliante Pasquale La Pesa, dal Grande Oratore Claudio Bonvecchio e dagli altri membri di giunta Fabrizio Celani ed Emanuele Melani e dal Gran Tesoriere Aggiunto Enzo Liaci. Nel corso della tornata il Maestro Venerabile della loggia Vetulonia 123 ha tracciato un breve ed intenso ricordo del Fratello Silvano Radi, Gran Maestro Onorario, recentemente passato all’Oriente Eterno.

Il Presidente del Collegio Toscano, Francesco Borgognoni, ha dato il benvenuto agli oltre 450 Fratelli presenti ed ha introdotto i lavori illustrando la geometria che sorregge l’ideale tavolo a cui seggono tutti i Fratelli, individuando proprio nella “Loggia”, nella “Filantropia”, nella “Associazione” ed, infine, nell’ “Amore” il più importante fra i questi pilastri che rendono la convivenza iniziatica  spiritualmente elevante per i massoni.

Leggi tutto...

Festa della luce a Cagliari il 28 dicembre

Nella concezione esoterica, due volte l’anno si aprono le porte del cielo, ed il Cielo entra in comunicazione con la terra: ciò avviene in occasione del Solstizio d’estate ed in quello d’inverno, che coincidono con la celebrazione dei due santi che la Massoneria Universale ha eletto a suoi protettori: San Giovanni Battista e San Giovanni Evangelista. La Loggia Heredom 1224 di Cagliari, il prossimo 28 dicembre, come ogni anno, organizza una Tornata per la celebrazione del San Giovanni d’Inverno e ripropone il tradizionale rituale della Festa della Luce.

Al Solstizio d’inverno – la Festa delle Luce – il Sole, simbolo visibile dello spirito, si è ritratto nelle caverne del settentrione. Le giornate si sono accorciate ed allungate le notti. Il dolore è nelle nostre anime perchè il Sole è calore, vita, luce. Noi Fratelli ravvisiamo in questa rituale morte del Sole una fase della perenne lotta tra il bene e il male. Ma il nostro dolore è temperato dalla certezza che il Sole, dopo la sua discesa agli Inferi, risalirà allo zenith della nostra coscienza”.

L’appuntamento è per martedì 28 dicembre, alle ore 20,00, presso la Casa dei Liberi Muratori di Cagliari, in Piazza Indipendenza 1.

E’ gradita la conferma della partecipazionea Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..”

Leggi tutto...

Iscriviti alla newsletter per ricevere le ultime news

Copyright © Collegio Circoscrizionale dei Maestri Venerabili della Sardegna